MyPoetry


Logo

 

MyPoetry è la prima applicazione al mondo interamente dedicata alla scrittura, alla lettura e alla condivisione di poesie.

L’idea nasce per rispondere alla necessità di realizzare uno strumento che possa facilitare la stesura di testi poetici e avvicinare un numero sempre più elevato di persone alla letteratura.


La poesia negli “Store”

Attualmente le uniche app disponibili per il download, legate alla poesia, riguardano la sola consultazione di testi appartenenti a celebri autori. Il vero obiettivo che il software si pone, dunque, non è quello di limitarsi alla semplice visualizzazione di elaborati già esistenti, ma quello di offrire a tutti uno strumento completo per realizzarne di nuovi.

Sotto questo punto di vista, MyPoetry si configura come la prima applicazione del suo genere e si va a distinguere dagli altri programmi disponibili in rete per numerosi aspetti:

  • L’elevato numero di funzionalità offerte.
  • La presenza di strumenti appositamente progettati per facilitare la stesura di poesie
  • L’automatizzazione del processo di creazione di plaquette.
  • La cura dell’interfaccia.
  • L’user experience
  • La facilità d’uso
  • La connettività
  • La personalizzazione

Dispositivi supportati

MyPoetry nasce come Applicazione Windows Store e si rivela pertanto essere rivolta principalmente a tutti i dispositivi Microsoft dotati di sistema operativo Windows 8 / Windows 8.1. Le possibilità offerte dal progetto e l’alto numero di potenziali utenti determinano, in ogni caso, la flessibilità dell’applicazione e la sua futura esportazione anche su piattaforme iOS, Android e Windows Phone.


Struttura del software

MyPoetry è un’applicazione WinRT, scritta in linguaggio C#, caratterizzata da una grafica intuitiva, da uno stile semplice e accattivante, in grado di essere facilmente compreso da chiunque. Per quanto concerne l’aspetto architetturale, l’app sfrutta a pieno le API e gli oggetti nativi disponibili per la programmazione destinata a Windows Store e si rivela essere in piena linea con le caratteristiche tipiche delle applicazioni Metro.


Menu


Editor

Un aspetto fondamentale di MyPoetry è quello riguardante l’editor testuale. Risulta essere di vitale importanza, infatti, mettere a disposizione dell’utente una serie di strumenti in grado di facilitare la scrittura dei propri testi. Prenden
do esempio da alcuni dei più conosciuti programmi di scrittura, l’applicazione fornisce differenti funzioni progettate per la composizione di poesie e alcune possibilità di personalizzazione associate ai caratteri utilizzati. L’app può anche vantare la presenza di “tools” unici, come vocabolari e opzioni di ricerca.


Taccuino

La sezione che permette di leggere e interagire coi propri scritti è una delle più importanti dell’intera applicazione e, conseguentemente, si rivela essere ricca di funzionalità e opzioni gestionali. All’interno del proprio taccuino, inoltre, è anche possibile impostare segnalibri e condividere i propri testi.


Plaquette

Un’altra funzione per cui MyPoetry può essere considerato veramente innovativo è quella riguardante la possibilità di realizzare virtualmente le proprie plaquette, automatizzando un processo che di norma richiede diverso tempo.


Dizionari

MyPoetry consente di accedere in qualsiasi momento a una serie di dizionari in grado di fornire informazioni di varia utilità. Tra questi, l’utente potrà consultare l’edizione online di “Tra virgolette” (contenente più di 8500 citazioni) e un elenco completo di figure retoriche, a scopi educativi e di approfondimento.


Canali Feed

I canali feed nascono per rispondere all’esigenza di rimanere costantemente aggiornati su alcuni dei “portali web” più importanti associati alla poesia e al mondo dell’editoria. In pochi passi, con MyPoetry, è possibile aggiungere ai propri canali un sito che si ritiene particolarmente utile o interessante. In questo modo si è in grado di accedere rapidamente ai propri servizi preferiti ed essere tra i primi a venire a conoscenza di alcune novità.


Profilo

Un’altra caratteristica dell’applicazione che merita una particolare attenzione è quella associata all’esperienza d’uso e al rapporto con l’utente. All’interno del software, infatti, è presente un’area di profilo, dove è possibile consultare in qualsiasi momento una serie di statistiche interessanti. Le varie informazioni, ottenute mediante l’elaborazione dei dati memorizzati, vengono accompagnate da grafici e illustrazioni.


Frutto dello spirito di collaborazione che contraddistingue FabLab Romagna, MyPoetry è stato realizzato da Giacomo Frisoni e Marcin Pabich con l’aiuto di Isabella Leardini e del professore Maurizio Conti.

L’applicazione è ancora in fase di sviluppo e sarà lanciata su “parcopoesia.it”, festival della giovane poesia italiana.

Per chi fosse interessato, il progetto e i relativi autori saranno presenti alla Maker Faire Rome (3-5 ottobre 2014) nello spazio stand del FabLab.


Screen


Per info e contatti:

  • Giacomo Frisoni: giacomofrisoni@gmail.com
  • Marcin Pabich: martinoqom@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *